Testata sito Biblioteca Gino Bianco
tracce da seguire
Opuscoli mazziniani
Prima guerra mondiale
Andrea Caffi
Nicola Chiaromonte
"L'Unità" di Salvemini
"Volontà"
"politics"
vai all'elenco completo
le carte di Caffi
Quaderni Caffi
Moravia a Caffi
Rosselli(?) a Renzo Giua
Lettere di Faravelli
ricordiamoli
voci da ascoltare
Nicola Chiaromonte ricordato dagli amici
Alex Langer ad Assisi
Vittorio Foa: ricordare
pagine da leggere
"L'Europa è in crisi" (De Rougemont, 1956)
Mosul e i curdi (Caffi, 1925)
Il pugno di farina (Calogero, 1944)
Campo di ebrei (Debenedetti, 1945)
Matteotti a Londra (Bianco, 1984)
Il vecchio Cervi (Einaudi, 1954)
L'ideale di una federazione europea (Colorni 1944)
Saluto a Gobetti (Ascoli, 1926)
La nascita di Giustizia e Libertà (Lussu, 1973)
Una pensione (Cambria, 1965)
vai all'elenco completo

Oliviero Zuccarini

Il fallimento dello Stato in Italia

Tratto da «Volontà», A. I, n. 1, luglio 1946

La cri­si che col fa­sci­smo ha avu­to il suo pun­to cul­mi­nan­te era già in pie­no svi­lup­po pri­ma del­la guer­ra eu­ro­pea del 1914-1918. Non è par­ti­co­la­re al­l’I­ta­lia, per quan­to so­lo da noi ab­bia rag­giun­to ma­ni­fe­sta­zio­ni di par­ti­co­la­re gra­vi­tà, ma co­mu­ne a qua­si tut­ti i pae­si di Eu­ro­pa. Non è so­lo una cri­si mo­ra­le e so­cia­le. È so­pra­tut­to la cri­si del­lo Sta­to: del­lo Sta­to mo­der­no, co­me in que­st’ul­ti­mo se­co­lo ce l’han­no or­ga­niz­za­to le clas­si di­ri­gen­ti, co­me l’han­no ac­cet­ta­to le clas­si do­mi­na­te. È la cri­si del­la so­vra­ni­tà, il fal­li­men­to de­gli Isti­tu­ti rap­pre­sen­ta­ti­vi. Lo Sta­to so­pra la Na­zio­ne, il Par­la­men­to in­ca­pa­ce di do­mi­na­re lo Sta­to, la Na­zio­ne che non può ri­co­no­scer­si nel Par­la­men­to: ec­co il pro­spet­to del­la si­tua­zio­ne.
Per mez­zo se­co­lo clas­si e par­ti­ti si so­no mos­si uni­ca­men­te nel­l’il­lu­sio­ne che non esi­stes­se che un mez­zo di azio­ne -lo Sta­to; che un istru­men­to di pre­do­mi­nio -lo Sta­to; che una prov­vi­den­za -lo Sta­to. Lo Sta­to po­te­va tut­to: il ma­le ed il be­ne. Al­lo Sta­to si ri­co­nob­be il pos­ses­so di tut­te quel­le ca­pa­ci­tà che non si ri­co­no­sco­no nei grup­pi e nel­le clas­si. Se l’i­ni­zia­ti­va in que­sti man­ca­va, po­te­va par­ti­re dal­lo Sta­to. Se il com­mer­cio lan­gui­va, lo Sta­to ave­va i mez­zi per dar­gli in­cre­men­to. Se l’in­du­stria di­fet­ta­va, lo Sta­to po­te­va far­la sor­ge­re e, se era ane­mi­ca, far­la di­ve­ni­re ro­bu­sta e po­ten­te. Se le clas­si ope­ra­ie non pos­se­de­va­no la for­za suf­fi­cien­te a mo­di­fi­ca­re in pro­prio fa­vo­re i rap­por­ti tra le clas­si e le con­di­zio­ni so­cia­li, era al­lo Sta­to che se ne do­ve­va af­fi­da­re il com­pi­to. E lo Sta­to, in for­za di ta­le il­lu­sio­ne, as­sor­bì tut­ti i po­te­ri ed il mag­gior nu­me­ro di fun­zio­ni; in­ter­ven­ne in ogni uma­na fac­cen­da; as­sun­se ser­vi­zi; eser­cì tra­spor­ti ed in­du­strie; di­sci­pli­nò il com­mer­cio; mol­ti­pli­cò le leg­gi, i con­trol­li, le tas­se, i fun­zio­na­ri. Tut­to il mec­ca­ni­smo del­la vi­ta so­cia­le ne riu­scì tra­sfor­ma­to, i po­te­ri ven­ne­ro cen­tra­liz­za­ti, le au­to­no­mie sop­pres­se, e la bu­ro­cra­zia as­sun­se pro­por­zio­ni mo­struo­se. La guer­ra por­tò im­prov­vi­sa­men­te lo Sta­to al li­mi­te mas­si­mo del suo svi­lup­po, de­ter­mi­nan­do una si­tua­zio­ne eco­no­mi­ca­men­te ar­ti­fi­cio­sa, fi­nan­zia­ria­men­te di­sa­stro­sa, so­cial­men­te in­so­ste­ni­bi­le, del­la qua­le le pro­por­zio­ni spa­ven­to­se rag­giun­te dai de­bi­ti pub­bli­ci so­no l’in­di­ce più im­pres­sio­nan­te. Un pas­so avan­ti c’è il pre­ci­pi­zio. È in di­pen­den­za del­lo svi­lup­po rag­giun­to dal­l’or­ga­niz­za­zio­ne sta­ta­le e del­le fun­zio­ni re­go­la­tri­ci che es­so si è as­sun­to in tut­ti i cam­pi del­l’u­ma­na at­ti­vi­tà che le in­so­li­da­rie­tà so­no di­ve­nu­te quan­to mai nu­me­ro­se ed aspre. È in di­pen­den­za di ciò, so­pra tut­to, che i par­ti­ti po­li­ti­ci si vi­de­ro ri­dot­ti al­la im­po­ten­za e che la lo­ro azio­ne, fin­ché vol­le svol­ger­si nei li­mi­ti del­la le­ga­li­tà e at­tra­ver­so il si­ste­ma rap­pre­sen­ta­ti­vo, si ri­dus­se ad es­se­re una azio­ne pu­ra­men­te este­rio­re. Il fa­sci­smo si è svi­lup­pa­to e si è af­fer­ma­to ra­pi­da­men­te ap­pe­na ap­par­ve in mo­do per tut­ti evi­den­te che il Par­la­men­to era in­ca­pa­ce ad as­sol­ve­re il com­pi­to di­ret­ti­vo per il qua­le ven­ne isti­tui­to e in­ca­pa­ce per­si­no ad eser­ci­ta­re sul­lo Sta­to una sem­pli­ce fun­zio­ne di con­trol­lo. Ha vin­to quan­do la li­ber­tà nel­la co­scien­za dei cit­ta­di­ni, non era più che un no­me e l’i­sti­tu­to par­la­men­ta­re era ca­du­to nel più com­ple­to di­scre­di­to.
La sua vit­to­ria è l’ul­ti­ma fa­se del­la cri­si. Do­po non ci può es­se­re che la li­qui­da­zio­ne e la ri­co­stru­zio­ne.
Al­lor­ché si ri­co­no­sce -co­me tut­ti or­mai ri­co­no­sco­no- che la cri­si che tra­va­glia par­ti­co­lar­men­te l’I­ta­lia è una cri­si di re­gi­me, si ri­co­no­sce an­che im­pli­ci­ta­men­te che è in una re­vi­sio­ne del­le isti­tu­zio­ni do­mi­nan­ti che la cri­si de­ve es­se­re su­pe­ra­ta.
È a due esi­gen­ze fon­da­men­ta­li del­la vi­ta mo­der­na che lo Sta­to at­tua­le non ha sa­pu­to ri­spon­de­re o non è in gra­do di ri­spon­de­re: l’e­ser­ci­zio ef­fet­ti­vo del­la so­vra­ni­tà da par­te dei cit­ta­di­ni - lo svi­lup­po di tut­te le for­ze pro­dut­ti­ve. Già è un se­co­lo che Car­lo Cat­ta­neo os­ser­va­va che "per ef­fet­to del­le im­ma­ni for­ze au­men­ta­te di ma­no in ma­no al go­ver­no, la li­ber­tà fa­ti­co­sa­men­te con­qui­sta­ta sfug­gis­se ai po­po­li eter­na­men­te di ma­no” e con­sta­ta­va che "quan­do in­gen­ti for­ze, in­gen­ti ric­chez­ze ed ono­ran­ze stan­no rac­chiu­se in un pu­gno di una au­to­ri­tà cen­tra­le, è trop­po fa­ci­le co­strui­re od ac­qui­sta­re la mag­gio­ran­za di un uni­co par­la­men­to”. Al­lor­ché egli par­la­va co­sì si era ap­pe­na agli ini­zi di un pro­ces­so che suc­ces­si­va­men­te s’è an­da­to sem­pre mag­gior­men­te svi­lup­pan­do. L’ac­cen­tra­men­to ha fat­to del­lo Sta­to una mac­chi­na ma­sto­don­ti­ca che non si la­scia gui­da­re, il cui con­trol­lo è im­pos­si­bi­le, do­ve si pos­so­no con­qui­sta­re po­si­zio­ni di pri­vi­le­gio, ma do­ve l’in­te­res­se ge­ne­ra­le col­let­ti­vo non ha mo­do di far­si va­le­re. Per l’ac­cen­tra­men­to la de­mo­cra­zia non ha po­tu­to or­ga­niz­zar­si nel­lo Sta­to e suf­fra­gio uni­ver­sa­le e rap­pre­sen­tan­za pro­por­zio­na­le si ri­dus­se­ro a for­me este­rio­ri di so­vra­ni­tà po­po­la­re di cui la so­stan­za man­ca­va.
Se la so­vra­ni­tà dei cit­ta­di­ni pra­ti­ca­men­te si an­nul­la­va pro­prio quan­do do­ve­va im­pri­mer­si nel­lo Sta­to, l’in­te­res­se pro­dut­ti­vo fu pur es­so sa­cri­fi­ca­to. Una del­le spin­te mag­gio­ri al cen­tra­li­smo è ve­nu­ta pre­ci­sa­men­te dal­la il­lu­sio­ne che lo Sta­to po­tes­se util­men­te so­sti­tuir­si al­la ini­zia­ti­va pri­va­ta in una in­fi­ni­tà di fac­cen­de nel cam­po eco­no­mi­co. In­ter­ven­zio­ni­smo e pro­te­zio­ni­smo han­no ope­ra­to nel­lo stes­so sen­so e co­gli stes­si ef­fet­ti: fra l’u­no e l’al­tro i rap­por­ti so­no ine­stri­ca­bi­li. Il ri­sul­ta­to con­si­ste in uno sper­pe­ro co­stan­te di ener­gie e di ca­pi­ta­li. Ogni im­pre­sa pro­dut­ti­va del­lo Sta­to è un in­suc­ces­so: lo Sta­to co­sta al­la to­ta­li­tà dei cit­ta­di­ni più di quel­lo che ad es­si ren­de. Gli in­te­res­si pri­vi­le­gia­ti e pa­ras­si­ta­ri si so­no in­se­ri­ti co­sì for­te­men­te nel suo or­ga­ni­smo, che tut­ta l’at­ti­vi­tà le­gi­sla­ti­va si è vol­ta al­la lo­ro sod­di­sfa­zio­ne. Nes­su­no s’in­te­res­sa sul se­rio di pro­dur­re, ma cia­scu­no mi­ra a con­qui­sta­re una po­si­zio­ne pri­vi­le­gia­ta nel­lo Sta­to. La lot­ta po­li­ti­ca e so­cia­le ha rag­giun­to per ciò le at­tua­li for­me di asprez­za. Per ciò la vio­len­za ar­ma­ta ha fi­ni­to con l’es­se­re l’e­le­men­to de­ter­mi­nan­te del­le si­tua­zio­ni po­li­ti­che.
Nel­l’im­me­dia­to do­po guer­ra tut­te le for­ze so­cia­li han­no avu­to una so­la mi­ra par­ti­co­la­re, una so­la pre­oc­cu­pa­zio­ne: con­qui­sta­re nel­lo Sta­to una po­si­zio­ne di pri­vi­le­gio a dan­no del­la col­let­ti­vi­tà. So­no gli in­te­res­si più for­ti, me­glio or­ga­niz­za­ti e me­glio prov­vi­sti di mez­zi che han­no ar­ma­to il fa­sci­smo. Per quan­to il fa­sci­smo non aves­se chia­ro di­nan­zi a sé il com­pi­to che an­da­va ad as­su­mer­si, e si tro­vas­se­ro in es­so con­fu­se le aspi­ra­zio­ni più di­ver­se e le più in­ge­nue il­lu­sio­ni e an­che, ri­co­no­scia­mo­lo, una sin­ce­ra vo­lon­tà, in mol­ti dei suoi ade­ren­ti, spe­cial­men­te nel­la par­te gio­va­ne di es­si e quin­di più en­tu­sia­sta e me­no pre­pa­ra­ta, di ope­ra­re il rin­no­va­men­to del­la vi­ta pub­bli­ca ita­lia­na, nel­l’a­zio­ne pra­ti­ca ha do­vu­to fa­tal­men­te se­gui­re la lo­gi­ca cen­tra­li­sta. Ci sa­rà fa­ci­le ve­der­lo quan­do pas­se­re­mo ad esa­mi­na­re que­st’ul­ti­ma e pro­ba­ti­va espe­rien­za del­la no­stra vi­ta po­li­ti­ca. La lo­gi­ca cen­tra­li­sta do­ve­va por­tar­lo al­la dit­ta­tu­ra ed al­la sop­pres­sio­ne di tut­te le li­ber­tà for­ma­li, an­che di per se stes­se qua­si in­no­cue e cioè sen­za ef­fet­ti­va in­fluen­za sul­la con­dot­ta del­lo Sta­to. Ma de­ter­mi­na­va in tal mo­do an­che un tur­ba­men­to mag­gio­re, d’in­te­res­si, ap­pro­fon­di­va le in­so­li­da­rie­tà so­cia­li e le ren­de­va vi­si­bi­li e sen­si­bi­lis­si­me, of­fen­de­va i sen­ti­men­ti in­ti­mi di di­gni­tà e di au­to­no­mia dei cit­ta­di­ni, po­nen­do con­cre­ta­men­te per tut­ti il pro­ble­ma del­la li­ber­tà nel­lo Sta­to. È que­sto il pro­ble­ma vi­vo ed ur­gen­te del­l’I­ta­lia pre­sen­te.
Ri­sol­ver­lo non si può sen­za te­ner con­to di due espe­rien­ze egual­men­te com­piu­te: l’e­spe­rien­za li­be­ra­le e l’e­spe­rien­za fa­sci­sta.
Oc­cor­re ri­co­strui­re lo Sta­to!

da sfogliare

Anche su iPhone, iPad e su smartphone e tablet con sistema Android.
Le pagine non si possono stampare né scaricare, ma si può richiedere l'invio di fotocopie o PDF dei documenti desiderati, previo contributo per rimborso spese.


Riviste sfogliabili

Tempo Presente (64 numeri)
politics (42 numeri)
Volontà (216 numeri)
Giustizia e Libertà (191 numeri)
Il Quarto Stato (17 numeri)
Noi Giovani (6 numeri)
Problemi italiani (24 numeri)
L'Unità (366 numeri)
La Voce (81 numeri)
Pensiero e Volontà (41 numeri)
Studi Sociali (60 numeri)
Pègaso (54 numeri)
La Critica Politica (46 numeri)
Nuovi quaderni di Giustizia e Libertà (4 numeri)
Lo Stato Moderno (83 numeri)
Aretusa (14 numeri)
L'Acropoli (15 numeri)
La Nuova Europa (67 numeri)
Mercurio (29 numeri)
Fiera letteraria (477 numeri)
Uomo (9 numeri)
Rinascita (43 numeri)
Nuova Repubblica (174 numeri)
Quaderni Piacentini (25 numeri)
Critica Sociale (880 numeri)
Rivista Critica del Socialismo (11 numeri)
Il Socialismo (70 numeri)
La Nuova Commedia Umana (34 numeri)
Biblioteca di propaganda per i lavoratori (5 numeri)
Entretiens politiques & littéraires (16 numeri)

Opuscoli e libri sfogliabili
Vai all'elenco completo