Testata sito Biblioteca Gino Bianco
tracce da seguire
Opuscoli mazziniani
Prima guerra mondiale
Andrea Caffi
Nicola Chiaromonte
"L'Unità" di Salvemini
"Volontà"
"politics"
vai all'elenco completo
le carte di Caffi
Quaderni Caffi
Moravia a Caffi
Rosselli(?) a Renzo Giua
Lettere di Faravelli
ricordiamoli
voci da ascoltare
Nicola Chiaromonte ricordato dagli amici
Alex Langer ad Assisi
Vittorio Foa: ricordare
pagine da leggere

fondo Schiavi (biblioteca Saffi, Forlì)
Opuscoli

Libri e opuscoli sfogliabili


Faravelli, Giuseppe

Discorso pronunciato nel convegno lombardo degli amici di "Critica Sociale" tenutosi a Milano nei giorni 7-8 sett. 1946

Per l'autonomia del Partito Socialista. Marxismo ed utopismo


Per l'autonomia del Partito Socialista. Marxismo ed utopismoEditore: Industria d'arti grafiche Paolo Pellegatta - Busto Arsizio
Edizione: 1947
Pagine: 29

Giuseppe Faravelli (Broni, Pavia 1896 - Milano 1974) dopo aver partecipato alla prima guerra mondiale, fu impegnato nei "Gruppi studenti socialisti” all’università di Pavia. Divenuto negli anni successivi segretario della Camera del Lavoro di Pavia poi della Federazione provinciale del PSI e direttore del giornale socialista La Plebe, fu anche consigliere comunale di Broni e membro della giunta provinciale amministrativa della stessa città. Nel 1922 aderì al Partito Socialista Unitario (PSU), lo spezzone riformista e turatiano che si allontana dal PSI dopo la scissione comunista del 1921. Adoperatosi per ricostituire un tessuto socialista clandestino nella lotta antifascista, rappresentò il partito socialista nel Comitato del movimento "Giustizia e Libertà", essendo convinto assertore della presenza socialista in esso. Espatriato nel 1931 a Parigi e poi in Svizzera per evitare il carcere, fra il 1934 ed il 1937 Faravelli assicura i contatti fra il Centro socialista interno (CSI) e la direzione del PSI in esilio a Parigi. Sempre alla ricerca di nuove strade per il movimento socialista, che egli concepisce autonomo e libertario e fautore del coordinamento tra emigrazione e antifascismo interno, denunciò insieme a Tasca (con cui già aveva promosso l'uscita della rivista Politica socialista) l'unità d'azione con i comunisti. Nel 1942 venne arrestato dal governo di Vichy e tradotto in Italia dove fu condannato a trent'anni dal Tribunale Speciale. Evaso nel settembre del 1944 riparò in Svizzera e dopo la Liberazione fu membro della direzione del Partito socialista italiano di unità proletaria (PSIUP) ed estensore di un Progetto di Statuto del Partito che si prefiggeva di rinnovare la tradizione riformista, democratica e autonomista del vecchio PSU. Nel settembre del '45, insieme con Ugo Guido Mondolfo fece rinascere la rivista Critica Sociale. Alla fine del 1946 Faravelli è inoltre tra i fautori della scissione di palazzo Barberini che nel gennaio 1947 portò alla nascita del Partito socialista dei lavoratori italiani (PSLI) di cui venne nominato, seppur per breve tempo, segretario. Nell'estate 1949 si prodigò per la riunificazione socialista, ma, a seguito delle dure posizioni assunte dalla dirigenza moderata socialdemocratica, fu costretto a uscire dal PSLI, partecipando alla fondazione del Partito socialista unitario (PSU) nel dicembre 1949 e assumendo l'incarico di direttore dell'organo di stampa della nuova formazione, Lotta socialista. Nel gennaio 1952 fu eletto nella direzione del Partito socialista democratico italiano (PSDI), sorto dalla unificazione tra PSLI e PSU. Fondò e diresse insieme con Paolo Vittorelli, Tristano Codignola e U. G. Mondolfo il quindicinale Nuova Repubblica. Nel 1959, col Movimento unitario di iniziativa socialista, rientrò nel PSI restandovi fino alla morte e continuando tuttavia a sostenere un ruolo di raccordo tra PSI e PSDI in vista di una possibile fusione dei due partiti. E' stato direttore di Critica Sociale dal 1958 fino alla morte nel 1974.

Per saperne di più
su Giuseppe Faravelli leggi
Le sette lettere ad Andrea Caffi tra il novembre 1946 e il giugno 1947 sullo sfondo della scissione, nel 1947, del Partito Socialista italiano fra autonomisti e frontisti


Questo link apre una finestra centrata sulla pagina

da sfogliare

Anche su iPhone, iPad e su smartphone e tablet con sistema Android.
Le pagine non si possono stampare né scaricare, ma si può richiedere l'invio di fotocopie o PDF dei documenti desiderati, previo contributo per rimborso spese.


Riviste sfogliabili

Tempo Presente (64 numeri)
politics (42 numeri)
Volontà (274 numeri)
Giustizia e Libertà (276 numeri)
Il Quarto Stato (30 numeri)
Noi Giovani (6 numeri)
Problemi italiani (24 numeri)
L'Unità (366 numeri)
La Voce (81 numeri)
Pensiero e Volontà (41 numeri)
Studi Sociali (60 numeri)
La Critique Sociale (11 numeri)
Pègaso (54 numeri)
Oggi (5 numeri)
La Critica Politica (46 numeri)
Nuovi quaderni di Giustizia e Libertà (4 numeri)
Lo Stato Moderno (83 numeri)
Aretusa (14 numeri)
L'Acropoli (15 numeri)
La Nuova Europa (67 numeri)
Mercurio (29 numeri)
Fiera letteraria (477 numeri)
Uomo (9 numeri)
Rinascita (171 numeri)
Nuova Repubblica (174 numeri)
Quaderni Piacentini (73 numeri)
Quaderni Rossi (9 numeri)
Quindici (20 numeri)
Lotta Continua (51 numeri)
Bollettino della Commissione nazionale lotte operaie (7 numeri)
il manifesto (16 numeri)
Ombre Rosse (35 numeri)
La Prova Radicale (8 numeri)
Argomenti Radicali (13 numeri)
La Nuova Commedia Umana (34 numeri)
Il Pensiero (176 numeri)
Il Socialismo (70 numeri)
Rivista Critica del Socialismo (11 numeri)
Critica Sociale (881 numeri)
Biblioteca di propaganda per i lavoratori (5 numeri)
Entretiens politiques & littéraires (16 numeri)
La Roma del Popolo (57 numeri)
Storie e storia : quaderni dell'Istituto storico della Resistenza e della guerra di Liberazione del Circondario di Rimini (14 numeri)
ABC - 1968 (46 numeri)
Grand Hotel - 1968 (45 numeri)
L'Espresso - 1968 (52 numeri)

Opuscoli e libri sfogliabili
Vai all'elenco completo