Testata sito Biblioteca Gino Bianco
Fondo Caffi
Quaderni Caffi
Moravia a Caffi
Rosselli(?) a Renzo Giua
Lettere di Faravelli

Nicola Chiaromonte

Opere di Aurelio Saffi

Opuscoli mazziniani
dal fondo Ami all'Istoreco di Forlì

Opuscoli socialisti
dal fondo Schiavi della Biblioteca Saffi di Forlì

tracce da seguire
Prima guerra mondiale
"L'Unità" di Salvemini
"Volontà"
"politics"
vai all'elenco completo

ricordiamoli

voci da ascoltare

pagine da leggere

Andrea Caffi

Lettera a Giuseppe Prezzolini


[1915, dopo il 18 maggio]

Caro Prezzolini
Non mi sento proprio di fare un articolo sull'Ucraina: con asserzioni superficiali ed imprecise farei troppo dispiacere ai miei amici ucrainici (nonchè ai miei amici polacchi). Ma forse non sarà inutile un accenno al problema, aspettando che un "ucraino” autentico e competente ce lo venga a chiarire.
Giammai, credo, avvenimenti giganteschi hanno sorpreso la coscienza pubblica cosi poco informata delle gravi questioni sollevate, come questa guerra. Cosi come è evidente l'ineluttabile logica degli eventi esteriori scatenati quasi dall'inerzia di  moli  materiali (armamenti, pletora di energie gregge; accumulazione caotica di interessi contrastanti) così le direttive intelligenti, i rinnovamenti meditati, le mete dello spirito insomma soprannotano appena come rottami dispersi dalla tempesta.
Confessiamolo pure: sulla sistemazione prossima dell'eredità austriaca, sulla spartizione del bottino turco, sull'organizzazione del mondo slavo, sui rapporti da stabilire tra la Russia e l'Europa moltissimi tra noi, che pure vorrebbero orientare l'opinione popolare verso delle soluzioni conformi a vasti e generosi ideali - non hanno che spunti di idee, che concezioni più imprecise, forse, di quelle che ispirarono i democratici del 1848.
Appunto perché a noi sembrano ingenue, romanticamente noncuranti della realtà storica le ideologie di Mazzini, Michelet, Mickievicz, Herzen (eppure tramezzo agli  errori enormi di quelle visioni vi sono tante geniali intuizioni, per le quali, a noi uomini critici manca purtroppo il soffio). Noi siamo cresciuti in un mondo, ove poco o punto si credeva nelle realizzazioni poderose e catastrofiche; ci siamo abituati a studiare anche i fenomeni attuali  minutamente, specializzando e riservando sempre le conclusioni.  Abbiamo in sufficienza materiali, monografie, polemiche su tutte le questioni sociali o nazionali immaginabili. E appena gli avvenimenti ci pongono dinanzi un hic Rhodus - si rivela un'ignoranza, uno smarrimento generale - quali si potè constatare e per la rivoluzione russa e per la guerra balcanica, per la Boemia, per la Macedonia, per l'Albania...
E' un dolore e una vergogna sentir oggi un "colto europeo" parlare della Polonia! Martiri! Varsovie echevellé! Il sangue polacco bevé col polacco! Cose un po' fradicie. Ma s'intende che simpatizziamo ancora di tutto cuore! Lo Zar gli dona la libertà!? Tanto meglio, cosi tutto è risolto! Intanto Bobrinski inaugura la russificazione della Galizia.
E' colpa nostra! Colpa di tutti quelli che qualche cosa sapevano e non si preparavano e non preparavano l'opinione. Quando in un interludio dei congressi internazionali socialisti si votava un ordine del giorno di (platonica) simpatia ai popoli oppressi, ammucchiando -  per non perdere troppo tempo - la Polonia e la Finlandia magari con la Persia e l'India, era commovente l'unanimità quanto l'assolta indifferenza dei votanti. Domani al congresso europeo lascieremo ai diplomatici di decidere (o di lasciare indecise) le sorti della nazione polacca, come quelle della nazione ceca, della nazione armena. Con quale autorità potrà imporsi loro l'opinione pubblica? Come potrà ricordare loro altre nazioni che pure aspirano a vita nuova?
Volevo parlare dell'Ucraina. Per molti l'Ucraina - trentacinque milioni di uomini - non esiste neanche!
---
Quando si percorre la storia russa nell'esposizione ufficialmente consacrata, si è colpiti dalla strana soluzione di continuità tra l'epoca del Gran  ducato di Kiev (che va dal IX a1 XIII secolo) e il periodo moscovita (che incomincia nel XII sec.). Nell'assetto sociale e politico, nei costumi e nella civiltà non vi è  quasi nulla di comune tra la splendida e turbolenta società cavalleresca e urbana che si sviluppò nella vallata del Dniepr in stretti contatti con Bisanzio, con Venezia, con l'Europa tutta ed il pesante despotismo patriarcale, che completamente, sospettosamente appartato dal mondo civile, poco a poco plasmò le rare, povere, primitive popolazioni delle tristi pianure e foreste de Centro.
Il fatto è che il granducato di Vladimir (poscia divenuto granducato di Mosca) non fu un prolungamento naturale dello stato slavo-normanno di Kiev ma una creazione affatto nuova: conquista di esuli, amalgama di colonizzatori non tanto numerosi con genti finniche, sistema sociale e amministrativo quasi imposto dai mongoli dell'Orda d'oro; più tardi autocrazia ordinata da Giovanni il Terribile sul modello dell'impero Osmano ( basta ricordare l'analogia tra gli"opricniki" e la milizia dei giannizzeri).
La civiltà  russo-normanna aveva d'altronde avuto due centri assai distinti. A Kiev - aristocrazia di guerrieri  possidenti - si opponeva Novgorod oligarchia di mercatanti. La repubblica di Novgorod fu il vicino civilizzato e ostilissimo della Monarchia Moscovita. Allorchè decrebbe la potenza delle città anseatiche, i Zar di Mosca poterono schiacciare Novgorod a annettersi i suoi vasti territori. Però lo spirito delle oomunità libere si mantenne nella Russia settentrionale, le franchigie del Pomorie (o regione del mare) non furono che lentamente fiaccate. Significativa anche la circostanza che in quelle  regioni si conservò l'antica poesia epica russa, le "byline" su il contadino guerriero, e quelle su Sadko il ricco mercante e su Wassili Buslaiof condottiero dell'irrequieta gioventù novgorodiana. Ultima espressione dell'indomito spirito d'indipendenza e di più alta spiritualità furono le numerose sette religiose, fermento vivificatore di una Russia non tartara. Dall'unione violenta di Mosca con Novgorod si formò la Grande Russia.
Invece l'invasione mongola distruggendo Kiev, aveva incuneato un deserto tra la Moscovia e i slavi del Dniepr. Sopravvissero però le tradizioni di Kiev nel  regno di Galizia. A questo stato - la cui grandezza fu breve - venne applicato per primo - (se non erro da storici bizantini) il nome di "piccola Russia". Continuò a gravitare in quel incerto sistema, nel quale quasi sospesi tra Costantinopoli e il Sacro Romano Impero, cercavano il loro asseto la Valacchia, l'Ungheria, la Boemia, i ducati polacchi e la Lituania. Quando nei primi anni del trecento si unificò il reame di Polonia, anche una parte della Galizia vi fu incorporata. Il resto dei territori già governati da Danilo dì Galizia cadde più tardi sotto il dominio dei granduchi di Lituania - potenza nuova e vigorosamente ascendente. Da allora tra i ruteni (annessi alla Polonia) e i ucraini propriamente detti (uniti alla Lituania) dovevano sorgere disparità di civilizzazione e anche di dialetto.
In Lituania i "malo-russi" eredi dello splendore di Kiev rappresentavano una civiltà superiore. Dei storici recenti hanno illustrato (non senza esagerare un po') l'importanza degli elementi ruteni e delle tradizioni slavo-normanne nello stato lituano, fino agli ultimi decenni del Cinquecento. Ostrog, Černigov, la risorta Kiev furono centri di vita sociale e di attività intellettuale. La Chiesa della "piccola Russia” conservò la sua autonomia. Allo stesso modo che i serbi, i moldovalacchi; i moscoviti, anche la nazione ucrainica ebbe il suo metropolita che (a differenza di quello di Mosca) seppe conservare buone e continue relazioni colla madre Chiesa di Costantinopoli. Nel XV e XVI sec. gli uomini e le idee della chiesa di Kiev erano considerati a Mosca con molta diffidenza, quasi come eretici.
Ma non tutta la piccola Russia restò annessa agli Stati della corona polacca. Ucraina vuol dire terra di confine, marca. Era l'epoca in cui massimamente s'affermava la vitalità invadente delle stirpi slave: Serbia di Stefano Dascian, Boemia di Carlo IV, Polonia di Casimiro il Grande. Man mano che scemaval'irruenza tartara, le genti di Galizia poterono inoltrarsi verso le steppi. Ripopolarono le contrade devastate, si mescolarono a tutti gli avanzi di egemonie asiatiche successivamente infrante: kasari, petceneghi, polovzi.
Non protetti da confini naturali, esposti continuamente alle feroci razzie dei nomadi di Crimea e di Kipciak, s'accamparono i cosacchi dell'Ucraina. Fu  un ordine cavalleresco, ma democratico, contadino. Continuatori plebei delle principesche masnade dell'antica Kiev. Nelle comunità cosacche sopravvivevano le incomposte autonomie delle città del Dniepr coi loro "viece" (assemblee di popolo o consigli di paterfamilias). I canti guerreschi dei cosacchi sono una trasformazione naturale della "chansons de geste” (poesia di corte da non confondersi coll'epica popolare) - che celebravano i principi di Kiev o di Galizia e le loro prodi "drugine” (ambacti, " maisnie"). I cosacchi hanno creato la nazione ucrainica. Per tre secoli furono uno Stato libero, veramente slavo nella sua anarchica coerenza nella sua fervida e semplicissima religiosità. Stefano Batory riuscì (verso il 1580) a dare un aspetto più regolare al "petmanstvo" d'Ucraina ed a mettere i cosacchi al servizio della Polonia nelle grandi guerre contro Turchi e Moscoviti.
---
La lingua ucraina-rutena è altrettanto diversa dalla russa quanto dalla polacca. Se ha di comune colla russa l'influenza grammaticale che esercitò lo "slavo di Chiesa" (d'origine macedonica?) si  è  pure arricchita di moltissimi termini adottati dal polacco e magari per tramite polacco dal latino e dal tedesco. Le fondamentali differenze antropologiche tra russi e ucraini come le caratteristiche particolarità della vita popolare in Ucraina (organizzazione del villaggio, diritto familiare, "classi di uomini" secondo l'età) - sono in tutti i manuali di etnografia. Quello che importa però è  che storicamente la vita dell'Ucraina non si sia mai fusa con quella della Moscovia e che la resistenza, il sentimento d'autonomia, si sia mantenuto nelle masse e nella minoranza cosciente e si sia rinforzato da un secolo in qua.
I turchi - che hanno costretto l'Ungheria a sottomettersi agli Absburghi, la Dalmazia a ricercare quasi il dominio di Venezia, i popoli balcanici tutti a accettare umilmente la  tutela di qualsiasi potenza cristiana - sono stati la vera causa del "satellismo” de l'Ucraina verso la Polonia prima e verso la Moscovia poi. La politica polacca del XVI secolo e la grande crisi moscovita del XVII sec. hanno determinato l'avvenire del popolo ucraino.

(scritto nei corridoi del Distretto di Milano - Continua)
da sfogliare

Anche su iPhone, iPad e su smartphone e tablet con sistema Android.
Le pagine non si possono stampare né scaricare, ma si può richiedere l'invio di fotocopie o PDF dei documenti desiderati, previo contributo per rimborso spese.


Riviste sfogliabili

ABC (46 numeri)
Almanacco enciclopedico del "Popolo d'Italia" (21 numeri)
Almanacco italiano : piccola enciclopedia popolare della ... (7 numeri)
Almanacco socialista italiano (2 numeri)
Aretusa (14 numeri)
Argomenti Radicali (13 numeri)
Biblioteca di propaganda per i lavoratori (5 numeri)
Bollettino della Commissione nazionale lotte operaie (7 numeri)
Classe (14 numeri)
Compagni! per la propaganda socialista (30 numeri)
Critica Sociale (881 numeri)
Cultura e realtà (3 numeri)
donne chiesa mondo (75 numeri)
Entretiens politiques & littéraires (16 numeri)
Fiera letteraria (774 numeri)
Fine secolo (53 numeri)
Giustizia e Libertà (276 numeri)
Grand Hotel - 1968 (45 numeri)
il manifesto (16 numeri)
Il Pensiero (176 numeri)
Il piccolo Hans (35 numeri)
il Potere (10 numeri)
Il Quarto Stato (30 numeri)
Il Socialismo (70 numeri)
L'Acropoli (15 numeri)
La Critica Politica (46 numeri)
La Critique Sociale (11 numeri)
La Difesa delle Lavoratrici (217 numeri)
la Libertà (289 numeri)
La Nuova Commedia Umana (34 numeri)
La Nuova Europa (67 numeri)
La Prova Radicale (8 numeri)
La Roma del Popolo (57 numeri)
L'Unità (367 numeri)
La Voce (110 numeri)
La Voce di Molfetta (26 numeri)
L'Espresso - 1968 (52 numeri)
l'ordine civile (33 numeri)
Lo Stato (24 numeri)
Lo Stato Moderno (83 numeri)
Lotta Continua (51 numeri)
Mercurio (29 numeri)
Noi Giovani (6 numeri)
Nuova Repubblica (175 numeri)
Nuovi quaderni di Giustizia e Libertà (4 numeri)
Oggi (136 numeri)
Ombre bianche (5 numeri)
Ombre Rosse (35 numeri)
Pagine libertarie (27 numeri)
Pègaso (54 numeri)
Pensiero e Volontà (41 numeri)
politics (42 numeri)
Problemi italiani (24 numeri)
Pro Pace : almanacco illustrato (2 numeri)
Quaderni di Giustizia e Libertà (12 numeri)
Quaderni Piacentini (73 numeri)
Quaderni Rossi (9 numeri)
Quindici (20 numeri)
Re nudo (88 numeri)
Rinascita (624 numeri)
Risorgimento Socialista (278 numeri)
Rivista Critica del Socialismo (11 numeri)
Storie e storia : quaderni dell'Istituto storico di Rimini (14 numeri)
Studi Sociali (61 numeri)
Tempo Presente (130 numeri)
Terza Generazione (11 numeri)
Uomo (9 numeri)
Utopia (10 numeri)
Vi saluta la Chiesa che è in Babilonia (7 numeri)
Vita Fraterna (40 numeri)
Volontà (274 numeri)

Opuscoli e libri sfogliabili
Vai all'elenco completo