Testata sito Biblioteca Gino Bianco
Fondo Caffi
Quaderni Caffi
Moravia a Caffi
Rosselli(?) a Renzo Giua
Lettere di Faravelli

Nicola Chiaromonte

Opere di Aurelio Saffi

Opuscoli mazziniani
dal fondo Ami all'Istoreco di Forlì

Opuscoli socialisti
dal fondo Schiavi della Biblioteca Saffi di Forlì

tracce da seguire
Prima guerra mondiale
"L'Unità" di Salvemini
"Volontà"
"politics"
vai all'elenco completo

ricordiamoli

voci da ascoltare

pagine da leggere

Nicola Chiaromonte

Caro Ignazio...

Provenienza: Yale University, Beinecke Library - fondo Nicola Chiaromonte

11 ottobre 1955
Caro Ignazio,
"Informazioni di prima mano sui fatti più grossi che dominano la vita degli uomini d’oggi, e discutere, criticare le teorie che danno di quei fatti un’immagine o giudizio errati, e solo per questo riguardo”.
Siamo d’accordo. Con più parole, io non pensavo di aver detto cosa fondamentalmente diversa da questa. Sebbene, certo, io personalmente, per mia inclinazione, sono portato a mettere l’accento sugli aspetti generali delle questioni. Se dunque si tratta di correggere nel senso della stringatezza quello che io ho scritto come appunto per l’editore eventuale, correggiamo senz’altro. Per conto mio, io ridurrei volentieri tutto il programma alla tua succitata formula. Dunque, per quanto riguarda l’accordo obiettivo sugli scopi della rivista, non mi pare che ci siano malintesi. Per ben marcare questo fatto, qui mi fermo, e metto tre belli asterischi.
Metto gli asterischi perché voglio continuare un poco la conversazione con te.
Di un "riesame generale”, in una rivista mensile del tipo di quella che possiamo fare noi, in questo momento, non può minimamente essere questione. Bisogna al contrario specificare e elencare più che si può gli argomenti. Io avevo dimenticato Giolitti e Gramsci. Sono argomenti importantissimi. La questione del liberalismo italico si chiarisce bene, credo, a partire da una critica del giolittismo e meglio ancora della "Infatuazione giolittiana”, che è una tipica idea di legittisti-restauratori di un (presunto) ideale Stato liberale italiano, e di una Terza Italia che non esiste più. Così per Gramsci e per la mentalità degli intellettuali comunisti nostrani. Noto tuttavia che, in una critica del giolittismo sarà difficile evitare, in Italia, la critica delle più o meno chiare idee in proposito, le quali si ricollegano, fra l’altro, anche alla crociana "religione della libertà”. Questo è un fatto che sarebbe errore dimenticare, perché fa parte dell’attualità: fa parte, in ogni caso, della storia recente, se si pensa ai molti giovani intellettuali italiani che, avendo bisogno, contro il fascismo, di una qualche ideologia, la presero da Croce. Donde tanta parte dell’azionismo, e donde anche il versamento di taluni intellettuali azionisti, per insoddisfazione, nel comunismo.
Gramsci, poi, propone assai più problemi ideologici che non Giolitti. Spero, però, con questo, di non darti l’impressione di voler iniziare un dibattito su Croce e Marx in generale. Sarebbe sbagliatissimo trasformare una questione "attuale” in questione accademica, e non discutere i fatti. Rimane che, tra i fatti, ci sono anche le idee nutrite a proposito dei fatti.
Puramente accademico, certo, sarebbe scrivere un saggio economico sociale sulla teoria del plus valore. Però, ad esempio, a proposito di movimento operaio oggi, come evitare, in una rivista culturale e non sindacale in senso tecnico, la discussione di idee? Vedo, putacaso, il libro di Ferrarotti sulla Protesta operaia: lì, se si vuol discutere seriamente, mi sembra interamente riaperta la questione dei principi di un sindacalismo moderno (anche se il libro è giudicato superficiale).
Insomma, le questioni di idee non vanno esaminate in astratto, d’accordo. Però, a proposito dei fatti, sorgono naturalmente, ed è artificio fare come se non sorgano. Aggiungerei che, in una rivista di cultura, ciò sarebbe impensabile. Il bisogno del concreto è una cosa, il positivismo di antico stampo un’altra. Il "problemismo” salveminiano è una bella e giusta idea di intellettuale e di moralista che aveva la nausea delle chiacchere politiche: non è neppure, come ben purtroppo sappiamo, un’idea di "politico”, ma proprio di maestro del metodo storico e del costume. Io, però, ammiro troppo Salvemini per non pensare che un certo "problemismo” è sano principio anche sul terreno delle idee generali: è sempre e soltanto in funzione di un fenomeno concreto che si devono sollevare le questioni di idee.
Per quanto riguarda la parola "liberalismo”, certo hai ragione. Evitiamola. Rimane che in questo dopoguerra quelli che come noi han fatto il giro delle ideologie, e in particolare delle ideologie socialiste, si son ritrovati a difendere con certezza le libertà concrete, il rifiuto in ogni caso e a ogni costo del "totalitarismo” e delle ideologie che vi conducono. La sostanza delle quali, a guardar bene, è il primato morale della politica su ogni altra attività umana. Contro questa perversione, ci ritroviamo pure a difendere il principio liberale (non crociano: il liberalismo di Croce è un’anguilla inafferrabile, e non esclude affatto l’autoritarismo). Ne dubitiamo, non sappiamo bene che conseguenze trarne, sappiamo che comporta problemi nuovi e non risolti, ma insomma la invochiamo. In questo senso il problema non già, ammettiamo pure, del "liberalismo” in genere, ma di come rappresentare e sostenere, di fronte a uno stato che dovunque tende a diventare collettivista e organizzatore di masse, il principio della libertà della persona è problema attuale. Non è solo questione di habeas corpus, come tu ben sai, che hai sollevato la questione dell’habeas animam.
Questa è una conversazione privata. Se la volessi riportare ai suoi termini "concreti” e al problema di fare la rivista, potrei domandarti: articoli come quelli di Aron, o come quelli di Rougemont sulla scienza e la tecnica moderna (coi quali ultimi, io personalmente non sono d’accordo, e non li trovo nemmeno profondi, ma suggestivi sì), li pubblicheresti o no? Tanto per fare un esempio. Chiudo la chiacchierata, ma non voglio dimenticare di dirti che hai molta ragione di voler allargare ben oltre le quattro riviste a catena le nostre eventuali fonti.
da sfogliare

Anche su iPhone, iPad e su smartphone e tablet con sistema Android.
Le pagine non si possono stampare né scaricare, ma si può richiedere l'invio di fotocopie o PDF dei documenti desiderati, previo contributo per rimborso spese.


Riviste sfogliabili

ABC - 1968 (46 numeri)
Almanacco enciclopedico del "Popolo d'Italia" (21 numeri)
Almanacco italiano : piccola enciclopedia popolare della ... (7 numeri)
Almanacco socialista italiano (2 numeri)
Aretusa (14 numeri)
Argomenti Radicali (13 numeri)
Biblioteca di propaganda per i lavoratori (5 numeri)
Bollettino della Commissione nazionale lotte operaie (7 numeri)
Classe (14 numeri)
Critica Sociale (881 numeri)
donne chiesa mondo (75 numeri)
Entretiens politiques & littéraires (16 numeri)
Fiera letteraria (477 numeri)
Fine secolo (53 numeri)
Giustizia e Libertà (276 numeri)
Grand Hotel - 1968 (45 numeri)
il manifesto (16 numeri)
Il Pensiero (176 numeri)
Il Quarto Stato (30 numeri)
Il Socialismo (70 numeri)
L'Acropoli (15 numeri)
La Critica Politica (46 numeri)
La Critique Sociale (11 numeri)
La Difesa delle Lavoratrici (217 numeri)
la Libertà (78 numeri)
La Nuova Commedia Umana (34 numeri)
La Nuova Europa (67 numeri)
La Prova Radicale (8 numeri)
La Roma del Popolo (57 numeri)
L'Unità (367 numeri)
La Voce (110 numeri)
La Voce di Molfetta (2 numeri)
L'Espresso - 1968 (52 numeri)
Lo Stato Moderno (83 numeri)
Lotta Continua (51 numeri)
Mercurio (29 numeri)
Noi Giovani (6 numeri)
Nuova Repubblica (174 numeri)
Nuovi quaderni di Giustizia e Libertà (4 numeri)
Oggi (136 numeri)
Ombre Rosse (35 numeri)
Pagine libertarie (27 numeri)
Pègaso (54 numeri)
Pensiero e Volontà (41 numeri)
politics (42 numeri)
Problemi italiani (24 numeri)
Pro Pace : almanacco illustrato (2 numeri)
Quaderni di Giustizia e Libertà (12 numeri)
Quaderni Piacentini (73 numeri)
Quaderni Rossi (9 numeri)
Quindici (20 numeri)
Re nudo (88 numeri)
Rinascita (624 numeri)
Risorgimento Socialista (278 numeri)
Rivista Critica del Socialismo (11 numeri)
Storie e storia : quaderni dell'Istituto storico di Rimini (14 numeri)
Studi Sociali (60 numeri)
Tempo Presente (130 numeri)
Uomo (9 numeri)
Utopia (10 numeri)
Volontà (274 numeri)

Opuscoli e libri sfogliabili
Vai all'elenco completo