Discorso del conte Terenzio Mamiani - page 4

4
povero rifuggito lasciare in terra stra–
niera le sue ossa non lacrimate da al–
cuno, ciò è tale e tanta dolcezza e con–
solazione che le parole non vi arrivano
e l'arte del dire smarrisce ogni sua fa–
coltà. Ora, questa per appunto è la
condizione e la insufficienza in che tro–
vasi di presente la mia lingua e il cuor
mio. N
è
con tutto ciò io v'ho ancora
ricordato le cagioni tutte quante della
mia profondissima commozione e della
piena impossibilità di significarvela. Con–
ciossiachè io pensava che a' miei sospiri
e al mio dolore trilustrc fosse unico te–
stimonio Iddio e solo qualche amico
d'infanzia dentro nel chiuso animo se
ne compiangesse; laddovc voi mi dimo–
strate, o fratelli, con mille prove che
tuttaquanta la mia città c provincia na–
tale partecipava al mio lutto e dolore.
Vollero i nemici del bene c più spe–
cialmente nemici d' ogni libertà c gran–
dezza d'Italia non che sbandcggiarmi
1,2,3 5,6,7,8,9,10,11,12,13,14,...16
Powered by FlippingBook