La Nuova Commedia Umana - anno I - n. 8 - 5 marzo 1908 - page 28

26
Ella fa ora del basso
dscamotage ;
l'illustre artista, bara.
Come certe mondane scettiche ed argute, paurose, che la loro
bellezza sfiorisca in troppo ardenti abbandoni, fingono di con-
cedersi perdutamente, simulano le più deliranti ebbrezze, osten-
tane spasimi lusingatoti mentre pensano di sostituire dei zaffiri
agli smeraldi del scendipettó, che il
cordon bleu
dimenticò forse
nel menù la trota in bianco, così, sia inerzia, stanchezza od
impotenza, Verginia Reiter tiene per sè la sua patte migliore,
per non accordarci che le sensazioni fossilizzale dalla
routine.
L'attrice -impetuosa e incomposta, che pareva dominata da
un demene interiore, fatta esperta dalle lunghe prove, ha ora
disciplinati i suoi sforzi é li ha coordinati in vista di un suc-
cesso facile e sicuro. Ella sa i toni che commuovono e quelli
che esasperano, sa i gesti che rendono la sorpresa, o lo sbigot-
timento: sa di quanti passi si Compone un impeto di collera, e
conosce la gradazione affannosa dei singhiozzi. Come la fiamma
di una lucerna, la sua voce si espande a ventaglio o si immi-
serisce ottenebrata ad un impercettibil muover di chiave, e i
tratti del viso assumono a comando quelle quattro o 'cinque
maschere tipiche che possono ben bastare per tutto un repertorio.
Sfilano così nella loro dignitosa inconsistenza di ricchi fan-
tocci ben vestiti: Adriana Lecouvreur e Odette, Magda e Ma-
dame sane Gène ; il pubblico abbacinato dal nome e dalla
riputazione accorre e non giudica, l'attrice che ha già giudicato
il suo pubblico sa quel ch'egli vale, e insieme quel ch'egli
vuole, ma noi, « noi che pur ti amammo », noi che esultammo
sempre d'ogni tua buona vittoria, noi che ti ammirammo come
una delle attrici in cui meglio fremeva e il latin sangue gen-
tile, » noi sentiamo ch'era assai più dignitoso per te e per la
tua gloria, per la purezza dei nostri ricordi e per la sincerità
dei tuoi trionfi, che tu aveSsi saputo a tempo ritirarti:
fra il mare e Dio cui tu credevi.
IL RUZZANTE.
IL BANDITISMO BORSAIUOLO
-11-4-11
A proposito di speculazioni di borsa e di ribasso generale, il
Secolo
grida contro la banda ribassista e invoca i fulmini della
legge! 11
Secolo
è sempre stato un giornale scrupolosista. Ri-
bassano i titoli? dàlli agli untoti ? Chi conosce l'ambiente della
borsa ride del semplicismo
s.ecolino.
Arrestare i ribassisti?
Coloro che giuocano al rialzo non creano forse valori fittizi?
non sono questi signori. vampiri del credito pèrtyrbatori del
mercato? Siate logici: Fatene un mazzo !
Si sa che rialzisti e ribassisti sono tutti dello stesso stampo.
Se si dice borsè è come dire un' associazione di malfattori.
1...,18,19,20,21,22,23,24,25,26,27 29,30,31,32,33,34,35,36
Powered by FlippingBook