Testata sito Biblioteca Gino Bianco
tracce da seguire
Opuscoli mazziniani
Prima guerra mondiale
Andrea Caffi
Nicola Chiaromonte
"L'Unità" di Salvemini
"Volontà"
"politics"
vai all'elenco completo
le carte di Caffi
Quaderni Caffi
Moravia a Caffi
Rosselli(?) a Renzo Giua
Lettere di Faravelli
ricordiamoli
voci da ascoltare
Nicola Chiaromonte ricordato dagli amici
Alex Langer ad Assisi
Vittorio Foa: ricordare
pagine da leggere
"L'Europa è in crisi" (De Rougemont, 1956)
Mosul e i curdi (Caffi, 1925)
Il pugno di farina (Calogero, 1944)
Campo di ebrei (Debenedetti, 1945)
Matteotti a Londra (Bianco, 1984)
Il vecchio Cervi (Einaudi, 1954)
L'ideale di una federazione europea (Colorni 1944)
Saluto a Gobetti (Ascoli, 1926)
La nascita di Giustizia e Libertà (Lussu, 1973)
Una pensione (Cambria, 1965)
vai all'elenco completo

Lorenzo Giusso

Cattaneo storico

Tratto da «Fiera letteraria», anno I, n. 24, 19 settembre 1946

In Cattaneo l’Italia ebbe qualche cosa di più, molto di più di un economista o di uno scrittore d’agricoltura, come si compiacque di qualificarlo De Ruggiero. Ebbe un sociologo e uno storico, che non vacilla al confronto dei Guizot, Carlyle, Thierry, Quinet, Renan. Ebbe una mente aperta a tutti i problemi europei, ebbe uno spirito positivo e lucido, che, non attardandosi dietro splendide chimere di ideali primati, rivelò agl’italiani le robuste forze dell’industria e dei traffici e dissigillò le loro menti all’idea che la potenza e la grandezza delle nazioni si misuri nei cantieri, nelle fabbriche, nei libri di carico e di scarico dei piroscafi e nelle registrazioni portuali. Egli fu certo l’italiano meno pittoresco, meno sgargiante, più alieno dal tenebroso emotivo che seduceva Stendhal; il più renitente a congiure melodrammatiche, a spedizioni in istile di balletto del genere di quella tentata da Mazzini sulla Savoia, un realista avveduto il quale sperava il riscatto del Lombardo-Veneto piuttosto da un sistema di franchigie progressive e dalla decomposizione interna dell’impero austro-ungarico anziché da guerre e da cambiamenti dinastici.
Ideale politico permanente, verso il quale si sforzò indirizzare gli sguardi degli italiani fu, per Cattaneo, l’Inghilterra. Degl’inglesi ammirava la tenacia, l’indomito spirito d’intrapresa, il rispetto al merito, la concezione economica dei fatti politici, la mancanza di pregiudiziali di razza e di sangue.
Il saggio sulle Interdizioni israelitiche, pubblicato nel 1843, è una splendida illustrazione di quel liberismo economico che fu sempre la sua stella polare. Rievocando e stigmatizzando le angherie, le restrizioni, gli arbitri legislativi a cui le comunità ebraiche secolarmente soggiacquero in Isvizzera, in Polonia, in Ungheria, in Russia, in certi Stati italiani, Cattaneo vuole confermare il canone secondo il quale l’oppressione giuridica si converte fatalmente in disordine economico. Lo scrittore, che in un saggio su L’economia nazionale di Federico List (1842) aveva sfatato con mirabile anticipazione, le illusioni autarchiche degli ultimi decenni, combattuto come deleterio e utopistico il sistema del blocco continentale di Napoleone, smascherato la chimera d’industrie e manifatture da piantarsi al solo scopo d’impedire l’invasione dei prodotti stranieri, credeva di detenere nella libertà economica il segreto infallibile del benessere sociale. Grande e tenace ammiratore dell’Inghilterra, Cattaneo non si stancava di segnalare nel libero commercio e nel principio delle "grandi associazioni” la base della potenza inglese. Dunque potenza statale, centralismo dispotico, compressione economica formavano per lui i nefasti congegni di quel principio "Chinese” dell’assolutismo o "Colbertismo” a cui egli contrapponeva il "principio greco” delle "libere Associazioni” che vedeva trionfare in America e in Inghilterra. Mentre nel paesi anglossasoni, lo Stato s’impiccia solo di ciò che il privato non può intraprendere, l’assolutismo centralizzatore alla Luigi XIV od alla Napoleone stende la mano sull’ultimo casolare del regno o sull’ultima capanna delle colonie. L’errore economico si tramuta, infallibilmente, in errore politico.
Tutto l’apparato vessatorio medievale, tutta la sovrapposizione di divieti, giurisdizioni, confische, esclusioni, contrassegni, ghetti, progroms non fu, agli occhi di Cattaneo che allucinata demenza e, soprattutto pietosa illusione. Il sadismo dei dominatori non servì che a cementare la potenza economica degli asserviti. Attraverso i berretti gialli e le estromissioni dalle Università e dalle professioni liberali, il divieto della possidenza prediale, la proibizione di ogni lusso etc., le legislazioni arbitrarie raggiunsero il chimerico risultato di complementare gli Israeliti.
"Così tutta la casta israelita, scevra di pensieri disinteressati, scevra di occupazioni improduttive, unicamente e assiduamente per tutta la vita tesoreggiava. Adunque l’esclusione dagli studi letterari e cavallereschi e ameni era una spinta sussidiaria che tendeva ad accrescere la loro opulenza... Qui nasce un forte dubbio, se quei popoli che hanno voluto riservare per sé soli il possesso delle terre e relegare gl’Israeliti alla sola proprietà mobile, abbiano scelto l’ottima parte o non piuttosto la peggiore...”.
Le vincolazioni dei feudi producevano nei loro detentori scarsezza di capitali e "quanto più le popolazioni erano povere, tanto più i capitali che sono strumento necessario a tutte le operazioni agrarie, marittime e fabrile, divenivano preziosi... La possidenza prediale ha, fra gli altri vantaggi... quello d’impoverire quelle famiglie che per più generazioni si tengono avvincolate unicamente alla ricchezza fondiaria”, mentre... "l’ubertà degl’interessi favorisce il superiore andamento dei capitali mercantili. La posizione artificiale creata dai legislatori...alimentava le gigantesche fortune degli Ebrei rendendo da un lato grossi e assidui i lucri... ed accrescendo dall’altro lato i risparmi e le accumulazioni”.
La ristampa di queste Interdizioni israelitiche (Colombo editore; Roma) ci fa augurare ulteriori reviviscenze di questo grande storico, confinato, per mal discernibili peripezie letterarie, nel dormiveglia degli specialisti. Auguriamo una ristampa del saggio sulle Notizie naturali e civili della Lombardia, di quelli sulla Sardegna, sull’Irlanda, sull’Economia nazionale di Federico List sul Di alcuni moderni Stati d’Europa, sui conflitti interni degli Stati Uniti d’America. Su Cattaneo ha gravato, più che sopra ogni altro, l’impopolarità che dal 1900 in poi si è abbattuta su gli scrittori positivisti. Se vi si aggiunge poi, l’isolamento che lo colpì in quanto irriducibile avversario della Monarchia sabauda, si comprenderanno anche meglio i motivi di questa eclissi. In Cattaneo l’Italia ebbe uno zelatore appassionato di quella tradizione di economisti e di filantropi che, iniziatasi con i Verri, Beccaria, Filangieri, Gioia, Romagnosi, fu sopraffatta dalle fortune del rinascente spiritualismo. Rosmini e Gioberti affascinarono le menti colle formule dell’"ente possibile” e del vero ideale. Cattaneo, pregiudizialmente ostile ad ogni metafisica, Cattaneo, tenacemente attaccato alla scuola di Gioia e di Romagnosi, Cattaneo stretto alle statistiche della produzione e del credito fondiario fece figura, in mezzo ai voli metafisici del tempo, di ragioniere o di geometra.

da sfogliare

Anche su iPhone, iPad e su smartphone e tablet con sistema Android.
Le pagine non si possono stampare né scaricare, ma si può richiedere l'invio di fotocopie o PDF dei documenti desiderati, previo contributo per rimborso spese.


Riviste sfogliabili

Tempo Presente (64 numeri)
politics (42 numeri)
Volontà (211 numeri)
Giustizia e Libertà (191 numeri)
Il Quarto Stato (17 numeri)
Noi Giovani (6 numeri)
Problemi italiani (24 numeri)
L'Unità (366 numeri)
La Voce (81 numeri)
Pensiero e Volontà (41 numeri)
Studi Sociali (60 numeri)
Pègaso (54 numeri)
La Critica Politica (46 numeri)
Nuovi quaderni di Giustizia e Libertà (4 numeri)
Lo Stato Moderno (83 numeri)
Aretusa (14 numeri)
L'Acropoli (15 numeri)
La Nuova Europa (67 numeri)
Mercurio (29 numeri)
Fiera letteraria (477 numeri)
Uomo (9 numeri)
Rinascita (32 numeri)
Nuova Repubblica (174 numeri)
Quaderni Piacentini (22 numeri)
Critica Sociale (880 numeri)
Rivista Critica del Socialismo (11 numeri)
Il Socialismo (70 numeri)
La Nuova Commedia Umana (34 numeri)
Biblioteca di propaganda per i lavoratori (5 numeri)
Entretiens politiques & littéraires (16 numeri)

Opuscoli e libri sfogliabili
Vai all'elenco completo