Testata sito Biblioteca Gino Bianco
tracce da seguire
Opuscoli mazziniani
Prima guerra mondiale
Andrea Caffi
Nicola Chiaromonte
"L'Unità" di Salvemini
"Volontà"
"politics"
vai all'elenco completo
le carte di Caffi
Quaderni Caffi
Moravia a Caffi
Rosselli(?) a Renzo Giua
Lettere di Faravelli
ricordiamoli
voci da ascoltare
Nicola Chiaromonte ricordato dagli amici
Alex Langer ad Assisi
Vittorio Foa: ricordare
pagine da leggere

fondo A. Schiavi
Opuscoli

Libri e opuscoli sfogliabili


Salvemini, Gaetano

Per l'organizzazione degli insegnanti

Il Congresso di Firenze e gli amici della scuola


Il Congresso di Firenze e gli amici della scuolaCollana: Biblioteca della Critica Sociale
Editore: Uffici della Critica Sociale - Milano
Edizione: 1902
Pagine: 21
Estratto della "Critica Sociale", anno XII (1902), n. 22

Gaetano Salvemini (Molfetta, 1873 - Sorrento, 1957) è stato storico e uomo politico. Dopo aver insegnato nella scuola media e al Liceo, divenne professore universitario prima a Messina (1902) poi a Pisa (1910) e a Firenze (1916), realizzando per esempio importanti lavori sul medioevo e la rivoluzione francese, della quale analizzò i conflitti sociali che ne erano alla radice. Iscritto al PSI e collaboratore dal 1897 della rivista «Critica sociale», approfondì lo studio sul nesso tra socialismo e questione meridionale, sostenendo il federalismo e criticando la tendenza al protezionismo operaio settentrionale. Già nel 1911 uscì però dal Psi e fondò con Antonio De Viti De Marco il settimanale «L’Unità» per continuare la battaglia antiprotezionistica e la denuncia del corporativismo del riformismo socialista. Interventista nella guerra 1915-18, cui partecipò come volontario, fu deputato nel 1919. Nel 1925, insieme ai fratelli Rosselli, fondò «Non mollare», il primo giornale clandestino antifascista: arrestato, espatriò in Francia, dove nel 1929 fu tra i fondatori di Giustizia e Libertà, e poi negli Stati Uniti, dove dal 1933 insegnò Storia della civiltà italiana alla Harvard University. Rientrato in patria, nel 1948 fu reintegrato nella cattedra di Firenze, continuando a battersi per quello in cui aveva sempre creduto, per un riformismo democratico e contro lo statalismo Negli ultimi anni finì forse per scontare agli occhi della maggior parte della sinistra italiana, quella coerenza che nel giugno 1935 al "Congresso internazionale antifascista degli scrittori per la difesa della cultura” di Parigi, lo portò quasi solitario a controbattere ad un'acritica apologia dell'URSS sottolineando la differenza radicale tra società borghesi aperte al "soffio della libertà" e Stati totalitari, di diversa coloritura ideologica, ma tutti costituzionalmente liberticidi; non si poteva "protestare contro la Gestapo e l’Ovra", i lager e le isole fasciste, dimenticando l’attività della polizia politica sovietica e l'esistenza della Siberia.

Di Gaetano Salvemini leggi alcuni articoli in pagine da leggere

Per saperne di più
su Gaetano Salvemini vai agli interventi in Tempo Presente di
Nicola Chiaromonte

e di
Enzo Tagliacozzo


e leggi l'intervista a Sergio Bucchi pubblicata su Una città
da sfogliare

Anche su iPhone, iPad e su smartphone e tablet con sistema Android.
Le pagine non si possono stampare né scaricare, ma si può richiedere l'invio di fotocopie o PDF dei documenti desiderati, previo contributo per rimborso spese.


Riviste sfogliabili

Tempo Presente (64 numeri)
politics (42 numeri)
Volontà (274 numeri)
Giustizia e Libertà (276 numeri)
Il Quarto Stato (30 numeri)
Noi Giovani (6 numeri)
Problemi italiani (24 numeri)
L'Unità (366 numeri)
La Voce (81 numeri)
Pensiero e Volontà (41 numeri)
Studi Sociali (60 numeri)
La Critique Sociale (11 numeri)
Pègaso (54 numeri)
Oggi (2 numeri)
La Critica Politica (46 numeri)
Nuovi quaderni di Giustizia e Libertà (4 numeri)
Lo Stato Moderno (83 numeri)
Aretusa (14 numeri)
L'Acropoli (15 numeri)
La Nuova Europa (67 numeri)
Mercurio (29 numeri)
Fiera letteraria (477 numeri)
Uomo (9 numeri)
Rinascita (168 numeri)
Nuova Repubblica (174 numeri)
Quaderni Piacentini (73 numeri)
Quaderni Rossi (9 numeri)
Quindici (20 numeri)
Lotta Continua (51 numeri)
Bollettino della Commissione nazionale lotte operaie (7 numeri)
il manifesto (16 numeri)
Ombre Rosse (35 numeri)
La Prova Radicale (8 numeri)
Argomenti Radicali (13 numeri)
La Nuova Commedia Umana (34 numeri)
Il Pensiero (176 numeri)
Il Socialismo (70 numeri)
Rivista Critica del Socialismo (11 numeri)
Critica Sociale (880 numeri)
Biblioteca di propaganda per i lavoratori (5 numeri)
Entretiens politiques & littéraires (16 numeri)
La Roma del Popolo (57 numeri)
Storie e storia : quaderni dell'Istituto storico della Resistenza e della guerra di Liberazione del Circondario di Rimini (14 numeri)
ABC - 1968 (46 numeri)
Grand Hotel - 1968 (45 numeri)
L'Espresso - 1968 (52 numeri)

Opuscoli e libri sfogliabili
Vai all'elenco completo